La misura ideale del pene. Tra statistiche, medie mondiali e rimedi miracolosi della rete

La misura ideale del pene. Tra statistiche, medie mondiali e rimedi miracolosi della rete

Sulle dimensioni del pene si parla molto e si offrono molti “rimedi miracolosi” in rete. Ma qual è la dimensione del “pene ideale”? Una revisione dei dati ha stabilito qual è la misura che si può considerare normale rispetto agli standard attuali maschili. La belle notizia è che non esiste una dimensione ideale.

Un  pene in erezione misura circa 13,2 centimetri. A stabilire la lunghezza è stato un team di scienziati inglesi del King’s College London in collaborazione con la South London and Maudsley NHS Foundation Trust. La fase sperimentale ha coinvolto oltre 15mila volontari. I dati raccolti sono stati rapportati a quelli di altri diciassette studi in materia per avere un quadro più specifico.

Il team guidato dal dott. David Veale del King’s College of London per questo scopo ha realizzato dei grafici per rappresentare le misure dell’organo maschile nelle diverse condizioni.

La circonferenza media del pene

Oltre alla lunghezza è stata misurata anche la circonferenza media del pene. Quest’ultima va in generale dai 9,31 cm quando il pene è a riposo agli 11,66 centimetri in fase di erezione. Questi grafici saranno un utile strumento medico per dare agli uomini maggiore consapevolezza, un lavoro che può essere utile per quegli uomini preoccupati per le dimensioni del loro sesso, a volte tanto da soffrire di disordine dismorfico del corpo (paura esagerata di un difetto del corpo). Il grafico o nomogramma è uno schema simile a quello utilizzato per valutare le curve di crescita (peso e altezza) dei bambini.

Quanto misura il pene nei vari paesi del mondo?

Parlando invece di lunghezza del pene nel mondo possiamo giungere a tali conclusioni:

  • Negli Stati Uniti la lunghezza media oscilla tra gli 11,67 cm e i 13,47 cm
  • Gli italiani sono in buona posizione: il loro pene in erezione misura tra i 14,88 e i 16,09 cm.
  • Non va altrettanto bene a cinesi, giapponesi, coreani e indiani: il loro pene eretto arriva al massimo a 11,66 cm
  • I record “in positivo” appartengono ad alcuni stati sudamericani e africani

Le dimensioni del pene contano durante i rapporti sessuali?

Anche se ti suonerà come un luogo comune, la verità è che le dimensioni non sono di importanza fondamentale per avere un rapporto sessuale soddisfacente.

Una buona intesa col partner, la passione, un atteggiamento positivo condito un pizzico di autoironia è sicuramente la migliore medicina. Ma se le dimensioni diventano un problema più che altro estetico, allora si può ricorrere anche alla chirurgia che offre una vasta gamma di soluzioni per quella che viene definita sindrome da spogliatoio.

  • Mauro Zarrani

    A che categoria appartiene un soggetto che ha il pene di 3 cm in stato di riposo e di 9 cm in erezione? Nessun medico riesce rispondere a questa mia domanda. Siccome si parla tanto di normalità e di irrilevanza delle misure del membro maschile per le donne (e io personalmente non ho mai creduto a queste affermazioni), allora mi domando questo: dato che la media italiana va dai 14 cm ai 16 cm come ho giustamente sempre pensato (anche perchè ricordo i miei amici di calcio quando si facevano la doccia a differenza mia che tenevo le mutande addosso per la vergogna), come si definisce un pene con misure come le mie, cioè 3 cm a riposo e 9 cm in stato di erezione? E’ un micropene oppure no? Lo chiedo perchè so che tutte le donne non accettano misure infime come le mie.

    • Fabrizio Muzi

      c’è da dire che il piacere sessuale ha una complessità tale da andare ben oltre una questione di soli centimetri. Avere un pene di dimensioni al di sotto della media non vuol dire non essere in grado di avere una vita sessuale appagante. Occorre tuttavia precisare che le dimensioni del pene sono a volte correlate con l’assetto ormonale soprattutto del testosterone. Per verificare ciò è sufficiente fare una serie di esami ematochimici e alcuni dosaggi ormonali non prima però di un adeguato esame obiettivo andrologico.
      Dott. Fabrizio Muzi

      • Mauro Zarrani

        Innanzitutto la ringrazio per la cortese risposta perchè finalmente per la prima volta un medico ha avuto il coraggio di rispondere. Mi sono accorto di aver saltato la scorsa volta un dettaglio importante, cioè la mia età, in quanto ho 48 anni. Le dirò che ormai non sono neanche più interessato a qualche possibile rimedio ai centimetri, perchè ho considerato da parecchio tempo che il pene piccolo me lo devo tenere così come è. Purtroppo ha già fatto i suoi danni alla mia esistenza e a questo punto mi sono rassegnato. Le ho scritto perchè avevo la curiosità di capire nella domanda come si potesse classificare un membro di ridotte dimensioni come le mie. Il fatto è che a volte si leggono siti di Andrologia nei quali non c’è mai una definizione unica sul pene piccolo; c’è chi definisce il micropene sotto i 7 cm e chi invece lo definisce sotto i 10 cm. In questo modo la confusione diventa sempre tanta. Non che la cosa abbia importanza ormai, come le ripeto, ma era solo per capire un attimo qualcosa in più di una condizione fisica che mi ha condizionato l’esistenza. Vede, la questione dei pochi centimetri che mi sono trovato mi ha lasciato sempre un dubbio, o meglio ho sempre avuto questo dubbio: mi sono chiesto un sacco di volte se all’età di 15/16 anni (e parlo quindi più di 30 anni fa) la medicina poteva rimediare alla mia condizione con qualche cura ormonale! Mi sono sempre chiesto se con qualche cura fatta in pubertà avrei potuto essere come tutti gli altri. Questi dubbi mi sono rimasti perchè non erano anni quelli in cui si parlava molto di queste faccende; restavano tabù in tutti i sensi. Chi aveva il problema se lo teneva punto e basta. Io oggi invidio molto i ragazzi di questo tempo perchè in una società più aperta hanno la possibilità di affrontare questioni così importanti della loro vita; vedo che a volte intervengono addirittura i genitori stessi su queste questioni; cosa impensabile 30 anni fa. Io non so se — come dite voi medici e anche gli psicologi — il piacere sessuale per una donna non sia legato molto alla questione dei centimetri, certo ho i miei dubbi in proposito perchè se la stragrande maggioranza dei maschi ha un pene in media di 15 cm in erezione, vorrà pur dire qualcosa! Come può una donna essere indifferente davanti ad un membro di 15 cm e ad uno di appena 9?? Faccio fatica a pensare che per una femmina sia la stessa cosa! Si dice sempre che uomo e donna devono trovare l’incastro fisico perfetto quando fanno l’amore, ma come può una donna trovare l’incastro perfetto con un soggetto che ha un pene piccolo, che in tanti casi fa pure fatica ad avere rapporti sessuali!! Sinceramente i dubbi a me rimangono tutti, perchè immagino che se la natura ha dotato gli uomini di certe dimensioni, un motivo ci sia. In fin dei conti il 95% degli uomini dalle statistiche mediche risulta sopra i 12,5 cm in erezione e se questo è vero allora signifca che tutto ciò che sta sotto ai 12,5 cm (cioè il 5% dei maschi) come può essere considerato normale da una donna? Non lo so, ma come ripeto a me i dubbi rimangono tutti. Io posso solo dire che chi vive l’incubo del pene piccolo entra in un tunnel dal quale non riesce più ad uscire. Ho sentito delle testimonianze di persone nella mia stessa condizione e nessuna infatti vive una vita felice, perchè le dimensioni del membro per quanto si possa dire sono sempre importanti per l’uomo. Ma se sono importanti per l’uomo possibile che non lo siano anche per la donna?? Probabilmente molte femmine non dichiarano il loro reale pensiero sui centimetri per la paura di venire giudicate male; io credo che se potessero dire la verità non avrebbero dubbi nella scelta tra un pene di 15 cm e uno di 9. E’ una mia convinzione, tutto qua. Ho voluto rispondere per aggiungere una riflessione in più. Qui mi fermo però, perchè non voglio essere troppo insistente sulla faccenda; la sua risposta è già sufficiente per me. La ringrazio molto per aver risposto. Un cordiale saluto da parte mia.

Per Urgenze:

349 3929652